Il vivace comuntwist dei 99 Posse
Il vivace comuntwist dei 99 Posse

Due anni dopo i 99 Posse di nuovo in prima linea, con La vida que vendrà, album frutto di un lungo lavoro, estremamente variegato e divertente, pur citando gabbie salariali, privatizzazioni, flessibilità e altre fissazioni quotidiane (rappresentate anche in una copertina coi poliziotti che manganellano i disoccupati a Piazza Plebiscito). Il disco prende il nome da un verso di El pueblo unido, l’unica cover delle quattordici canzoni del compact (75 minuti), un album davvero stupendo,ipertecnologico, sorprendente.
La versione del brano portato al successo dagli Inti Illimani comincia con un arpeggio alla Led Zeppelin e si trasforma in un motivetto tecno, quasi una dissacrazione. «E’ stato il parto più difficile di tutto il disco — confessa Marco — abbiamo fatto cinque diverse versioni di quel pezzo e abbiamo anche litigato molto. E’ una canzone con la quale molti di noi sono cresciuti (e ancora si emozionano), é un pezzo carico di tante cose, dal ricordo dei cortei ai festival dell’Unità, quando avevano ancora un senso, col comunismo e la sinistra». Parole d’ordine non ce ne sono nel disco che ha testi militanti ma ragionati, dialogati, quasi analitici, assai coinvolgenti.
Atmosfere che passano dal jazzato di Sfumature al rock etnico quasi hard di Esplosione imminente, a tiritere rappate che si infilano dappertutto, rivoltando anche il dna tradizionale, mischiando antichi proverbi e loop.
<C’è un mio lontano parente, si chiama Aniello Borrelli, che fa il canto del potatore —interviene Meg, l’unica voce femminile dell’ensemble — E’ un signore di più di 70 anni, una splendida persona, che ha fatto le Quattro giornate di Napoli, é stato partigiano, mi ha cantato questa canzone che era una sua reminiscenza, ce l’aveva nella testa per via di tradizione orale, completamente. E’ una canzone che non sta da nessuna parte, siamo andati a cercarla sui libri ma non l’abbiamo trovata. Ed é questo canto che intonavano quelli che andavano a fare la vendemmia a ottobre. E Aniello, quando era piccolo, andava ad aiutare i grandi, sentiva che cantavano, povera vita mia, chi coglie e magna, chi se ne fa solo pochi acini chi un’intera pigna d’uva. Come a dire, chi in un modo chi un altro, qualcuno sulla mia vita ci mangia, ci specula. Ci sembrava che andasse a pennello col testo sulle morti bianche». Ha un’andamento cupo, quasi da western, Povera vita mia, un brano sulle esistenze malinconiche di tanti ragazzi sfruttati. «Era un campione che ci ha colpiti molto — aggiunge Luca — perché mi portavo le basi a casa da riascoltare per scrivere i testi. Un giorno é entrata mia madre nella stanza e mi ha detto ‘Luca ma che é ‘sta marcia funebre, che state facendo’. Così l’ho accostato all’idea che ogni giorno in Italia ci sono quattro persone che muoiono sul lavoro e ho fatto questa celebrazione degli omicidi bianchi, trovando una melodia d’accompagnamento>.
La band napoletana ha allargato moltissimo il suo pubblico, con Corto circuito (che ha venduto 160 mila copie un record per il gruppo) e ha voluto fortissimamente rinnovarsi musicalmente. Un brano assolutamente curioso e travolgente é Comuntwist, «scritto da me, Luca e Dario Iacobelli — dice ancora Meg —che è un paroliere che ha lavorato con molti gruppi dai Bisca ai cantanti napoletani. II twist del comunista ci ha fatto ridere, affrontava una cosa che ci stava molto a cuore, il dare alle cose il proprio nome, una cosa che si sta sempre più perdendo. Per volontà di qualcuno che vuole le cose sempre più confuse,nel momento in cui vengono meno le contrapposizioni così non si sa più cosa è il comunismo e cosa é essere comunisti. Per noi comunismo significa cambiare lo stato di cose attuale,significa il prezzo imposto sui cd, significa aiutare i centri sociali». Nell’album ci sono tanti ospiti , dal reggae-man General Levy al fratellino Speaker Cenzou, da Roy Paci alla tromba agli ex Papa J e Claudio Marino, coi fiati giamaicani, ritmi spezzati, casino da sound system e riff ammalianti. «Abbiamo messo in frigorifero o meglio in archivio, di tutto- conclude Marco - dal sampler anni ’60 alla voce di Cossiga ripresa da un programma tv. E io mi sono innamorato di questo motivo di chitarra che viene da un pezzo dei Foreigner per L’anguilla», il brano che è il primo singolo, già trasformato pure in videoclip.


Flaviano De Luca

IL MANIFESTO 4/5/00
giovedi 04 maggio 2000
rassegna stampa
sabato 07 maggio 2016 | il manifesto
99 Posse: La musica italiana? Si è adattata alla superficialità
ARTICOLO
martedi 19 aprile 2016 | il mattino
99 Posse, l'amore al tempo della rivoluzione. E del «Combat reggae»
ARTICOLO
martedi 19 aprile 2016 | Adnkronos
Tornano i 99 Posse con 'Combat Reggae' primo assaggio del nuovo album
ARTICOLO
sabato 05 aprile 2014 | La Sicilia
99 Posse, vent'anni dopo il guaglio' continua a correre
  99Posse_LaSicilia_05042014 - [PDF] [524 Kb]
venerdi 04 aprile 2014 | il mattino
L'hit parade parla napoletano
  99Posse_IlMattinoMacro_04042014 - [PDF] [4335 Kb]
mercoledi 02 aprile 2014 | Rainews 24
99 Posse: il "guaglione" continua a correre
CLICCA QUI
martedi 01 aprile 2014 | RadioRai2 Supermax
99 Posse Live @ Supermax
CLICCA QUI
martedi 01 aprile 2014 | blow up
CURRE CURRE GUAGLIO' 2.0
  99Posse_BlowUp_01042014 - [JPG] [1880 Kb]
martedi 01 aprile 2014 | Rumore
CURRE CURRE GUAGLIO' 2.0
  99Posse_Rumore_01042014 - [JPG] [1619 Kb]
lunedi 31 marzo 2014 | La Nazione
Il rap dialettal-metropolitano dei 99 Posse
  99Posse_LaNazione_30032014 - [JPG] [821 Kb]
mercoledi 26 marzo 2014 | Il mattino.tv
Vent'anni di 99 Posse
Vent'anni di 99 Posse, la videointervista al Mattino
martedi 25 marzo 2014 | la repubblica
Guaglio', ricominciamo a correre vent'anni dopo le Posse sono tornate
  repubblica_25_03_14_low - [JPG] [1170 Kb]
lunedi 24 marzo 2014 | il mattino
Abbiamo aperto la strada un altro suono è possibile
  il_mattino_24_03_14_low - [JPG] [1298 Kb]
giovedi 20 marzo 2014 | corriere mercantile
Mio figlio, la droga, la musica
  99posse_CorriereMercantile_20032014 - [PDF] [778 Kb]
lunedi 17 marzo 2014 | il venerdì di repubblica
99 Posse - ancora ribelli 20 anni dopo
  ilvenerdi_14_03_14 - [JPG] [792 Kb]
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
testate
giornalistiche
[8] la repubblica
[8] il mattino
[6] il manifesto
[5] corriere del mezzogiorno
[4] XL
[4] liberazione
[4] musica!
[3] rockit
[3] mucchio
[3] sky.it
[3] XL.it
[3] rockstar
[3] corriere del mezzogiorno.it
[3] rollingstone
[3] la repubblica.it
[2] rockerilla
[2] blow up
[2] la stampa
[2] zazà - radiorai3
[2] rumore
[2] Adnkronos
[2] Rockol
[2] tutto
[2] tgcom
[2] Rockshock
[2] l'unità
[2] la repubblica - ed. napoli
[2] corriere della sera
 
SuperTotto
PROSSIMI
CONCERTI
CONTATTI