ITALIA SPA
leggi il testo
(Dello Iacovo, Persico, M. Iovine, Messina, Ricci)

Nun è quistione d’Unità
si nuje l’avevemo fà o si era meglio lascia’ sta
l’Ottocento fu un secolo di rivolta
di giustizia popolare sull’uscio della porta
pronta ad entrare
in procinto di portare uguaglianza e diritti
terre e libertà per tutti
ma l’italia che avete fatto voi
l’avete fatta nel modo peggiore
spacciando fratellanza e seminando rancore
ignorando lo stupore
sul volto dei contadini fucilati
dei paesi rasi al suolo delle donne violentate
ignorando con dolo le aspirazioni di uguaglianza
giustizia e fratellanza
per le quali a milioni sono stati ammazzati
creando senza pentimento un paese a misura d’ingiustizia
un patto scellerato tra Savoia e latifondisti
e ancora nun v’abbasta mò facite ‘e leghiste
e mentre abbascio addu nuje chiudono ‘e ‘spitale
e i laureati s’abbuscano ‘a jurnata cu ‘na vita interinale
v’amma sentì ‘e parlà di questione settentrionale?
L’ITALIA S.P.A.  E’ UNA REPUBBLICA FONDATA
SULLA DISEGUAGLIANZA ‘O MALAFFARE E ‘A CORRUZIONE
PERCIO’ LE VOSTRE LEGGI E IL VOSTRO SENSO DELLO STATO
PE NUJE SO SEMP STAT SUL NA PROVOCAZIONE
SULAMENTE CA VUJE NUN PROVOCATE CU ‘E PAROLE
MA V’ARRUBBATE O SANGHE A DINT’ E VENE D’E PERZONE
E A NUJE NUN CE LASSATE NESSUN’ALTRA SOLUZIONE
CHE RADUNARCI IN BANDE PRONTE PER L’INSURREZIONE
Chiariamo bene
nnuje ’o rre Burbone ‘o schifamm ‘a pazz
ma ce ne passa p’o cazz pure ‘o tricolore e del delirio patriottico
di ogni singola nazione
‘a bannera nosta è semp ‘a stessa
è rossa
rossa comm o sanghe d’o brigante d’o palestinese d’o militante
del partigiano con le scarpe rotte
che attende in agguato nella notte
d’o libico dell’algerino dell’egiziano
e di ogni essere umano
e il Sud a cui noi guardiamo è il Sud del mondo
il risultato geopolitico di un malessere profondo
l’urlo che viene dai dannati della terra
tra l’incudine dei dittatori
e la risposta umanitaria della guerra
perciò invece ‘e festeggià i 150 anni dell’azienda
gettiamo le basi di una vera unità
che guardi anche oltre il confine nazionale
di una terra compresa tra le Alpi e il mare
guardi al Mediterraneo in rivolta
e ad ogni singolo barcone
che in mezzo a questo mare cerca una speranza nella notte
RIT.
quando il veleno brucia nella terra dei fuochi
quando i tumori che contiamo sono ancora troppo pochi
quando è sempre la mia gente che continua ad emigrare
a voi sembra normale parlare di questione settentrionale?
di  esigenza di delocalizzare di costi da contenere?
pronti a dare la colpa all’immigrato
quando è il vostro lavoro che è emigrato
dove la vita di una persona
ha un valore più vicino allo zero straniero
dove i diritti non valgono un cazzo
dove è ancora più infame il potere del palazzo
e poi voi vi meravigliate
se la gente fa semplicemente il movimento inverso
ed insegue il lavoro dove può venderlo a miglior prezzo?
e non solo vi meravigliate
ma vi arrabbiate e non considerate
ca nuje cca tenimmo trentamila tunnellate di munnezza ammuntunate
e pronte pe’ ne fa tutte barricate
e n’ati trentamila v’e vuttammo a catapulta
dint ‘e ville addò campate
RIT.
CATTIVI GUAGLIUNI CATTIVI GUAGLIUNI
2011 | novenove
 
SuperTotto
PROSSIMI
CONCERTI
CONTATTI